Mondo BCC

Il 20 giugno del 1883 veniva fondata la prima Cassa rurale a Loreggia in provincia di Padova, ad opera di Leone Wollemborg. Solo quattro anni dopo venne costituita la prima Federazione delle Casse rurali organizzate in modo unitario.  Con l'emanazione nel 1891 dell'enciclica Rerum Novarum di Papa Leone XIII, che esortava i cattolici ad intraprendere iniziative concrete in campo economico per stimolare lo sviluppo dei ceti rurali e del proletariato urbano, prende avvio un vasto processo di nascita e diffusione delle Casse Rurali in diverse regioni italiane.  Nel 1905 nasce la Federazione Italiana delle Casse Rurali, che si impegna nella formazione di numerose Federazioni locali.

Nel 1922 le Casse rurali sono 3.540.

Durante il periodo fascista, dopo la Legge Bancaria del 1936, molti Casse Rurali vengono invitate a chiudere. Il vero slancio del movimento avviene nel periodo repubblicano:

Art. 45 Costituzione Italiana – La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata.

Si riconosce il ruolo della cooperazione con finalità mutualistiche.

130anniNel 1963 viene fontata l’ICCREA – Istituto di Credito delle Casse Rurali e Artigiane – che ha il compito di coordinare ed incrementare le azioni delle singole Casse attraverso lo svolgimento di funzioni creditizie, di intermediazione bancaria e assistenza finanziaria.

Il Testo Unico Bancario del 1993 sancisce, in corrispondenza di un cambiamento nella denominazione - da Casse Rurali e Artigiane a Banche di Credito Cooperativo - il venir meno dei limiti di operatività: le BCC possono offrire tutti i servizi e i prodotti delle altre banche e possono estendere la compagine sociale a tutti coloro che operano o risiedono nel territorio di operatività, indipendentemente dalla professione che svolgono.

Per saperne di più sulla storia del Credito Cooperativo. CLICCA  QUI.

Oggi in italia esistono 381 Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali, pari al 55% del totale delle banche operanti, con una rete di 4.460 sportelli e con una presenza in 101 provincie e in 2.711 comuni.

L’identità della Banca di Credito Cooperativo affonda le sue radici in un approccio multidimensionale. La BCC è banca. È cooperativa. È attore di territorio. È componente di una "rete”. Quattro caratteristiche distintive che ne rappresentano anche un unico fondamentale asset competitivo.

Per saperne di più sull'oranizzazione e i dati del Credito Cooperativo. CLICCA QUI.

 

Torna in alto

Chi Siamo

La Banca di Credito Cooperativo La Riscossa di Regalbuto è stata fondata nel 1922 a Regalbuto (Enna) dove ha iniziato a operare in favore dei reduci della I guerra mondiale sostenendo l’attività degli agricoltori e degli artigiani.

Dopo oltre 90 di attività: una rete di 15 sportelli distribuiti in quattro provincie (Enna, Catania, Messina e Siracusa), 865 Soci, 70 dipendenti, un patrimonio netto di oltre 55 milioni di Euro e masse amministrate per 448 milioni (dati al 31 dicembre 2015).

 

 

 

 

Top of Page